Alcuni ricercatori del Politecnico di Milano e dell’Università tecnica di Berlino