È illegittimo il raddoppio della tassa portuale per carbone e oli minerali disposto dall’Autorità Portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta a partire dal 1° luglio 2012 (con ulteriore incremento a decorrere dal 1° aprile 2014). Lo ha sancito il CdS, confermando la sentenza del Tar Lazio del febbraio 2015