Sono sei le “grandi lacune” che il Wwf ha evidenziato nella documentazione presentata da Sogin nella consultazione sulla Carta nazionale con le 67 aree potenzialmente idonee ad ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, che dopo il prolungamento dei termini terminerà a inizio luglio