Con la quota delle rinnovabili salita al 39%, e per la prima volta superiore a quella dei fossili (36%), e i consumi in calo (elettricità -4%, gas -3%), il 2020 è stato un anno “eccezionale” per l’energia Ue, pesantemente condizionata dagli effetti della pandemia di Covid-19