Le festività pasquali rendono necessariamente meno significativa la prima settimana di aprile. La contrazione della domanda del 9,47% sulla settimana precedente risulta coerente con la riduzione delle attività produttive e si può quindi dire che i consumi rimangano stazionari