Francia, Germania, Grecia e Portogallo. A poche ore dalla scadenza, fissata al 30 aprile, solo questi quattro Paesi hanno inviato ufficialmente il loro Piano di ripresa alla Commissione Ue. Anche se il termine del 30 aprile non è perentorio, ma una regola generale