Una competizione “particolarmente vivace nei segmenti caratterizzati da potenze di ricarica medie e basse”, che rappresentano il 90% del totale. Ma per i punti di ricarica veloce e ultra-veloce si rileva un “numero di aziende nettamente più ristretto (meno del 50% di quelle presenti nei precedenti settori)”.