Il Governo italiano ha ricevuto dalla Commissione europea una lettera di costituzione in mora per il mancato recepimento della direttiva 2019/1, che conferisce alle autorità antitrust degli Stati membri Ue maggiori poteri e strumenti più efficaci e armonizzati