Nuovo punto a favore dell’Italia nell’intricata vicenda dello spalma-incentivi, che negli ultimi due anni ha registrato esiti arbitrali opposti. Dopo il parere dell’avvocato generale della Corte Ue che ha dato ragione al Governo in merito a un ricorso di Anie e alcuni operatori, arriva adesso